Solaris#03

Solaris#03
  • Post Category:Eventi

LUGANO (CH)

Il progetto “BIPV meets History” è stato lanciato nell’evento Solaris 03 organizzato da SUPSI, come tavolo di lavoro transnazionale e dialogo aperto sul tema del potenziale di risanamento del parco immobiliare esistente e delle opportunità d’integrazione del solare anche negli edifici storici, che ha visto coinvolti i rappresentanti delle istituzioni del Canton Ticino e di Regione Lombardia e i diversi attori del territorio.

SUPSI, con il sostegno dell’Ufficio federale dell’energia (UFE) e SvizzeraEnergia e in collaborazione con il magazine Hochparterre, il 5 luglio 2019 ha organizzato l’evento Solaris#03, dedicato alla presentazione della rivista Solaris #03 e della piattaforma solarchitecture.ch. L’evento è stato anche l’occasione per lanciare il progetto di ricerca Interreg V-A “BIPV meets History” in Canton Ticino (a cura di Pierluigi Bonomo di SUPSI), oltre che per parlare del progetto Interreg Alpine Space “ATLAS e delle attività di IEA-SHC TASK 59/IEA-EBC ANNEX 76. In particolare, l’integrazione dell’energia solare negli edifici storici e il recupero energetico degli edifici costruiti mediante l’utilizzo di sistemi solari fotovoltaici integrati nell’architettura (BIPV) sono stati i temi principali dell’evento, ricco di spunti di riflessione per creare una filiera transfrontaliera del solare e favorire nuovi mercati che sfruttino le peculiarità e le singolarità dell’architettura locale. Nell’evento è stata prevista una tavola rotonda per avviare un dialogo tra i diversi attori del territorio, che ha visto la partecipazione di Andrea Roscetti (Università della Svizzera Italiana), Daniel Herrera (Eurac Research), Luisa Pedrazzini (Regione Lombardia), Natasha Rosselli (UACER) e Kim Bernasconi (Greenkey Sagl). L’evento ha visto la partecipazione di 94 persone tra professionisti (25%), rappresentanti delle istituzioni pubbliche (15%), R&D (22%), imprese del sistema industriale (18%), gestori immobiliari e rappresentanti del sistema economico locale e transfrontaliero (13%) e privati cittadini (7%).

Notizia anche qui